L’intervista a Linus

ottobre 9, 2007 alle 2:22 pm | Pubblicato su I moderati che vorrei | Lascia un commento
Tag: , , , ,

Domenica isieme a L’Indipendente delle idee, è uscito il tredicesimo supplemento de I moderati che vorrei. Questa volta, ho intervistato Linus, lo storico dj di radio dj, della quale è direttore artistico. Per scaricare l’intervista andate a questa pagina e troverete la versione pdf del giornale. Ecco di seguito un piccolo estratto:

Perché la parola moderato piace così poco ai giovani?

La abbinano a una mancanza di personalità, a un colore troppo sfumato. Un grigio pallido o un beige che un ragazzo non userebbe mai per vestirsi.

Colori a parte, è una forma di prevenzione ideologica.

Conta molto, purtroppo, anche il fatto che in questi anni il termine moderato è stato svalutato dal suo uso improprio.

In che senso?

Evoca compromessi, trasformismi, furbizie. Ecco perché, da un punto di vista politico, i giovani considerano la moderazione un grave difetto, salvo poi scoprirne, da grandi, le virtù. Un percorso che conosco bene, perché da giovane volevo fare i 100 metri, poi ho capito che la corsa più importante nella vita è la maratona.

Anche lei si sarà interrogato tante volte sul distacco, l’abisso, tra i giovani e la politica.

È un bel problema, specie per un Paese che penalizza le nuove generazioni.

Il seguito è disponibile qui

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.