Un consiglio alla Forleo: si goda una bella vacanza

novembre 8, 2007 alle 4:20 pm | Pubblicato su L'Editoriale | 5 commenti
Tag: , , , , ,

Le lacrime, smentite anche quelle, hanno fatto parte del rito. Nel lungo interrogatorio davanti alla prima commissione del Csm, il magistrato Clementina Forleo ha riepilogato con emozione l’elenco di quanti hanno deciso di abbandonarla. La polizia, che l’avrebbe scaricata dopo la famosa sentenza sul terroristaguerrigliero Daki. I carabinieri, che non la tutelano. I partiti politici, che sabotano le sue indagini. I colleghi dell’Associazione nazionale dei magistrati, che non la difendono. Stampa e televisione, che fraintendono le sue parole. Insomma: il gip più famoso d’Italia è una donna contro tutti. Sola. Tanto da presentarsi davanti al Csm in un’utilitaria accompagnata soltanto dalla zia. Nel frattempo, tanto per intorbidire ulteriormente le acque, il presidente emerito della Cassazione in un’intervista denuncia i tentativi del procuratore generale della Cassazione di fare indagare la Forleo in merito ai suoi metodi nell’inchiesta sulle scalate bancarie. E viene smentito dal procuratore generale della Cassazione, Mario Delli Priscoli, con parole secche: «Non c’è alcuna alcuna azione disciplinare nei confronti del gip Forleo». Ora, sinceramente, voi ci capite qualcosa? L’unica certezza è che nel labirinto delle parole, delle accuse generiche, dei messaggi trasversali, va a pezzi qualsiasi garanzia di giustizia. Vengono meno alcune condizioni essenziali, la freddezza e la serenità di un magistrato nel delicato esercizio delle sue funzioni, e tutto si riduce a uno show da dare in pasto all’opinione pubblica. Il gip Forleo ci fa perfino tenerezza. E’ una donna chiaramente provata dalla sua esposizione mediatica, dalla decisione di essersi sottoposta in continuazione agli esami televisivi e alle interviste sui giornali. E’ un magistrato che crede, e questo è ancora più grave, al suo isolamento e dunque si sente investita di quella funzione etica che ha prodotto tanti guasti all’equilibrio dei poteri nel nostro Paese. Ancora oggi, per esempio, non si capisce bene, con nomi e cognomi, chi siano i veri nemici di Clementina Forleo e perché avrebbero deciso di trattarla come un’appestata. I maestri della comunicazione, i Borrelli e i Di Pietro negli anni d’oro della loro popolarità, non sarebbero mai caduti in questa trappola dell’indistinto, e ogni volta che apparivano in tv mostravano tutta la loro abilità, anche teatrale, con denunce e accuse precise, mirate. Con la Forleo, invece, siamo entrati nel girone dei capi d’accusa declinati nel mucchio. E a questo punto la prima cosa di cui avrebbe bisogno il gip più famoso d’Italia non è un provvedimento disciplinare, ma una bella vacanza.

Annunci

5 commenti »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. Una Forleo in versione-Rashomon: tante verità che fanno nessuna verità. Grazie per il trackback, direttore 🙂

  2. Magari una vacanzina in Iraq, dove vivono pacifici i “guerriglieri”? 😉

  3. Un’alto magistrato forlivese oltre quindici anni orsono prevedeva problemi per la giustizia in Italia se non fosse stata fatta una legge per la quale veniva vietato ai mezzi d’informazione di indicare nelle cronache giudiziarie il nome del magistrato e di diffonderne immagini.Forse è giunto il momento per una simile legge.

  4. Schifoso sia l’articolo che i commenti.
    Viviamo in uno stato mafioso, e a voi va bene cosi’.
    Complimenti.

  5. Dovresti prendere atto ed informare i tuoi lettori che il Procuratore capo della Cassazione quando smentì l’azione disciplinare perla dott.a Forleo mentiva.
    Infatti proprio ieri, sull’argomento smentito, la sezione disciplinare del CSM non solo ha giudicato
    il GIP Forleo ma, in contrasto con la richiesta dello stesso Procuratore capo della cassazione,l’ha assolta.Sono veramente disgustato dalla campagna denigratoria da parte di imputati nei confronti della magistratura, imputati che, con ogni mezzo, anche illecito, cercano di sfuggire al loro giudice naturale. 28.06.2008


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: